post

La Sirio non perde smalto: battuta Agropoli in gara 1 di semifinale playoff

Dopo un mese di assenza dal parquet in gare ufficiali, la Sirio Salerno ’92 non stecca l’appuntamento con gara 1 di semifinale playoff del proprio girone di Serie B e batte la New Basket Agropoli 67-52 tra le mura amiche e davanti a tanto pubblico. Giovedì le granatine di patron Somma, bissando il successo al PalaZauli, potrebbero staccare il pass non solo per la finale ma anche per i concentramenti interregionali che condurranno alla Serie A2. Altrimenti, ci sarebbe gara 3 sabato ancora al PalaSilvestri-Itsvil Arena.

Partenza su ritmi altissimi. Apre Agropoli con Benedetta Chiovato, poi Oliveira, Silatsa e Orchi… gioco da tre di Lombardi, canestro e fallo: 7-5. Pragliola fa -1 dalla lunetta dopo 3’ di gioco, De Mitri reagisce da tre e Chiapperino la imita per il 10-9 di metà primo quarto che promette una sfida equilibrata e piacevole. Primo timeout per coach Visnjic per riordinare le idee. Ospiti senza macchia, mettono il muso avanti con Mini e vanno sul +5 (12-17) a fine primo quarto. Riprende il gioco e Mini allunga, poi Oliveira accorcia dalla distanza. La Sirio fa 19 pari grazie allo sprint di Takrou al servizio di Silatsa e poi con Scolpini, puntuale in terzo tempo su invito di Orchi. Agropoli dà filo da torcere. Il sorpasso (26-23) arriverà solo a 4’:40” dall’intervallo lungo con la solita Oliveira. Funziona l’asse Oporto-Yaoundé-Bolzano: Silatsa mostra i muscoli e Valerio traccia linee di passaggio lì dove non ci sono per il 30-23 del 18’. Le magenta alzano il pressing e a metà partita il tabellone segna 34-32 con la tripla di Federica Chiovato. Partita apertissima come mai prima d’ora in stagione.

A inizio secondo tempo Silatsa accusa un lieve problema ed esce temporaneamente. Nonostante tutto la Sirio morde in difesa e allunga con le sue tripliste: 43-32 dopo due minuti e mezzo. Segue un po’ di buio. Salerno non segna per oltre 3’, Valerio interrompe il digiuno ma Agropoli si avvicina. Silatsa rientra, sigla il 48-37 e Salerno trova l’interruttore “off” delle agropolesi grazie a una straordinaria Oliveira (cecchino imprescindibile) e a De Mitri. S’iscrive a referto anche Takrou che difende alla grande. Alla mezzora è 56-37. Difesa ordinata e aggressiva per le padrone di casa con la generosissima Orchi e la camerunense definitivamente ok dopo il piccolo spavento. Buoni anche gli impatti di Naddeo e Scolpini. Scala ci mette il fisico. Valerio da manuale con la tripla del +22 (60-40) 6’:30” prima della sirena. Visnjic abbassa progressivamente il quintetto anche in termini di carta d’identità portando a casa il match col finale di 67-52.

“Ci voleva un po’ di pazienza, dovevamo scaldare i motori. Ci vogliono anche momenti in cui vai sotto. All’inizio eravamo un po’ bloccate contro una squadra che ha giocato bene, poi ci siamo sciolte. Sono sodisfatto della reazione delle ragazze che soprattutto nel terzo quarto sono state bravissime soprattutto in difesa. – il commento di Njegos Visnjic – Ci sono stati alcuni cali di concentrazione. Quando si entra dalla panchina bisogna prendersi la responsabilità di aggiungere quel che serve e ho visto piccoli cali di concentrazione. Poi però abbiamo risposto alla grande. Ci interessa andare giovedì a Battipaglia e fare la nostra partita contro un avversario rispettabile, l’intento è chiudere con una nuova vittoria e mettere qualcosa in più nel motore, credo che siamo a metà del livello di performance che vogliamo raggiungere”.

TABELLINO  –  SIRIO SALERNO ’92-NEW BASKET AGROPOLI 67-52 (12-17; 34-32; 56-37)

SALERNO: Oliveira 24, Naddeo, Valerio 6, Orchi 2, Scala, De Mitri 10, Tagliaferri, Esposito, Takrou 2, Virgilio, Silatsa 21, Scolpini 2. All: Visnjic.

AGROPOLI: Pragliola 3, Ferrara, Lombardi, Cotellessa, Min 11i, Chiapperino 5, Nardoni 9, Catarozzo 5, Merati, B. Chiovato, F. Chiovato 17, Cavallo 2. All: Bisogno.

Arbitri: Santonastaso-Mandato

post

Si torna in campo: semifinale playoff a Matierno contro Agropoli

Torna in campo la Sirio Salerno ’92. Dopo tre settimane di pausa in cui la squadra di coach Visnjic ha potuto ricaricare la mente e mettere nuova benzina nei serbatoi osservando anche le prossime avversarie nei quarti dei playoff regionali di Serie B femminile, ecco l’appuntamento con la semifinale. Domani sera (sabato 12 aprile) le granatine ospiteranno in gara 1 la New Basket Agropoli, che nel turno precedente ha eliminato la Nuovi Orizzonti Taranto. Palla a due alle 19:30 al PalaSilvestri-Itsvil Arena di Salerno con la direzione arbitrale dei signori Clemente Santonastaso di Maddaloni e Mattia Mandato di San Nicola la Strada.

La Sirio Salerno ’92, forte del primato assoluto guadagnato tra regular season e fase ad orologio senza mai perdere, ha guadagnato l’accesso diretto alla semifinale con una marcia importante. Ora le partite saranno tutte decisive. Nell’unico precedente stagionale nell’impianto del rione Matierno, le granatine hanno avuto la meglio per 90-66 in campionato. Sarà però la quarta sfida totale quest’anno, perché in altre due occasioni (tra campionato e Coppa Campania) le due squadre si sono affrontate al PalaZauli, campo della New Basket Agropoli. Insomma, sarà un vero e proprio derby ricco di valori e aspettative.

Njegos Visnjic presenta così il prossimo impegno: “È stata una sosta importante sotto certi punti di vista, perché abbiamo potuto ampliare il nostro raggio d’azione e lavorare su cose nuove, completando anche l’inserimento dell’ultima arrivata Takrou. D’altro canto è anche un po’ seccante stare tanto tempo senza partite ufficiali, perché diventa difficile mantenere la concentrazione sul breve. Abbiamo lavorato anche su questo cercando di focalizzarci su piccole cose importanti per il nostro tipo di gioco in ottica playoff. Ospitiamo una squadra ostica come Agropoli, che in questa stagione abbiamo affrontato già in coppa e in campionato. Sono molto fiducioso nelle ragazze e nella loro voglia di vincere e dimostrare il proprio valore. Sono grato a tutti per il lavoro fatto, dalle giocatrici alla società. Siamo tutti allineati verso l’obiettivo. Siamo pronti e non vediamo l’ora di riaccendere i motori e spingere sull’acceleratore”.

L’ingresso al PalaSilvestri-Itsvil Arena sarà gratuito, come di consueto. Per chi non potrà essere presente fisicamente sugli spalti, la partita tra Sirio Salerno ’92 e New Basket Agropoli sarà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube della società di patron Somma (“Salerno Basket ’92”).

Il meccanismo qualificazione alla finale playoff (dove ci sarà la vincente del confronto tra Ferraro Group Ariano Irpino e La Molisana Magnolia Campobasso) prevede il passaggio del turno di chi avrà fatto meglio sulle tre gare. Giovedì 18 aprile alle 20:45 è in programma gara 2 al PalaZauli, eventuale gara 3 si disputerà di nuovo a Matierno due giorni dopo. Entrambe le finaliste playoff avranno già in tasca il pass per i concentramenti interregionali validi per giocarsi la promozione in Serie A2. Le perdenti delle semifinali si giocheranno invece il terzo posto che darà diritto allo spareggio per l’accesso ai concentramenti. Il rush finale è appena cominciato.

post

A Benevento l’ultimo step della fase a orologio

L’obiettivo è chiudere in bellezza per poi concentrarsi sui playoff interni. La Sirio Salerno ’92 ha già in tasca la semifinale ma deve mettere un altro tassello per chiudere il secondo mini-ciclo della fase a orologio e confermare la sua imbattibilità. Domani sera alle 19:30 le granatine faranno visita alla De.Gen.Co. Benevento per il testacoda dei testacoda: mentre le ragazze di coach Visnjic non hanno mai perso, le sannite non hanno ancora conosciuto la gioia della vittoria. Palla a due al PalaParente di Benevent con la direzione arbitrale di Francesco Moriello (Marcianise) e Gabriele Daniele (Avellino).

Nicoletta Scolpini, a dispetto dei soli 24 anni, è ormai una veterana della società di patron Somma, oltre ad essere l’unica salernitana senior nel roster: “Ci aspetta l’ultimo incontro della fase ad orologio, vogliamo fare bene e non abbiamo intenzione di cedere il passo. Siamo concentrate sull’obiettivo partita e sull’imbattibilità stagionale che abbiamo costruito tutte insieme nelle gare giocate finora. Sono convinta che tutte possiamo contribuire alla causa, stiamo lavorando bene e siamo molto motivate. L’innesto di Takrou dà una carica in più a questo roster già competitivo e coeso. Christelle si è ben integrata nel gruppo fin dal primo momento, cestisticamente parlando e non. Noi continueremo a mettercela tutta per portare avanti i nostri obiettivi, sappiamo che la strada sarà ancora lunghissima”.

post

La cavalcata prosegue: battuta anche l’ostica Nuovi Orizzonti Taranto

Penultima partita della fase ad orologio, diciassettesima vittoria su altrettante partite giocate, compresa ovviamente la stagione regolare. Manca una gara e poi la testa sarà tutta al percorso playoff, altrettanto lungo. Per ora la Sirio Salerno ’92 si gode la striscia di imbattibilità (a cui aggiungere anche le quattro partite di Coppa Campania) e resta mentalizzata sul presente senza crogiolarsi su quanto fatto finora. Il 75-50 con cui le granatine ieri hanno battuto l’ostica Nuovi Orizzonti Taranto al PalaSilvestri-Itsvil Arena è un altro tassello di autostima, altra certificazione del valore del roster, dell’unione del gruppo e soprattutto del buon lavoro svolto fino qui da staff tecnico e dirigenziale.

Contro le pugliesi, seconde nel girone A, la Sirio ha messo le cose in chiaro fin da subito con il 26-8 del primo quarto. Esordio positivo per l’ultima arrivata Takrou (14 punti a referto) e rientro in pista per Orchi dopo uno stop per infortunio. In evidenza soprattutto Oliveira con i suoi 20 punti. A metà partita il 44-22 ha rappresentato un margine interessante su cui porre le basi per una gestione senza affanni contro una squadra pur forte come quella pugliese: 63-34 alla mezzora, poi spazio alle tante rotazioni del coach per il 75-50 finale.

“Stiamo giungendo alla chiusura di un altro mini-ciclo. Sono ‘positivamente insoddisfatto’ come dico sempre (ride, nda), oltre che orgoglioso delle ragazze. Un’altra prova importante in casa contro una buona squadra come Taranto. Il gruppo ha mostrato la crescita mentale, fisica, di gioco e l’unione che gli chiediamo sempre dalla panchina. – ha affermato Njegos Visnjic al termine del match – Sono felice perché le ragazze stanno scrivendo una bella storia che però non è certo finita. Manca un’ultima partita, intanto, per chiudere la fase a orologio, dopodiché inizierà un altro percorso con livelli sempre maggiori di difficoltà. Non so quante squadre di Salerno abbiano fatto una serie così lunga di imbattibilità, questo deve inorgoglire tutti noi per aiutarci ad affrontare al meglio il prosieguo ed aumentare la consapevolezza dei nostri mezzi e del nostro essere squadra vera”. L’allenatore continua con i suoi complimenti al proprio roster: “Taranto è forte, squadra rispettabilissima, seconda nel girone A e con tante qualità ma in casa nostra non abbiamo lasciato spazio alle avversarie. Volevamo goderci questa partita anche con coloro che non sono state in campo. È stata la vittoria delle donne che si stanno sacrificando da sei mesi, era doveroso dare spazio a tutte e sono contento anche per l’operato della società, che ci ha regalato la possibilità di poter aumentare le rotazioni e le energie con il nuovo innesto Takrou. Siamo riusciti a farla integrare in fretta e ha mostrato cose ottime per il futuro. Continuiamo ad avere tutti fiducia nell’altro per proseguire questa bella strada che stiamo tracciando, senza cali di tensione”.

TABELLINO  –  SIRIO SALERNO ’92-NUOVI ORIZZONTI TARANTO 75-50 (26-8; 44-22; 63-34)

SALERNO: Oliveira 20, Naddeo, Valerio 8, Orchi 10, Scala 2, De Mitri 9, Tagliaferri 3, Esposito, Takrou 14, Silatsa 9, Scolpini, Lufrano. All: Visnjic.

TARANTO: Smaliuk 12, De Pace, Tagliamento 11, Gobbi, Gismondi 4, Varvaglione 1, Lucchesini 5, Turco 1, Cascione, Martelli, Molino 10, Ivaniuk 6. All: Orlando.

Arbitri: Arciello-Vettone