post

La Nasce un Sorriso mette la sesta: anche Angri al tappeto

Non si ferma la serie positiva della Nasce un Sorriso Salerno ’92, che liquida anche la pratica Angri Pallacanestro e resta agganciata alla vetta a braccetto con Agropoli, battuta quarantotto ore prima nel recupero. Al PalaSilvestri finisce 81-44 per le granatine nel match valevole per la quinta giornata di ritorno in B femminile. Le atlete care a patron Angela Somma sono imbattute nelle sei partite giocate in questo 2023 e non hanno risentito della stanchezza dell’impegno ravvicinato. In evidenza De Mitri con i suoi 20 punti, seguita da Orchi (17).

È tutto il collettivo a funzionare alla perfezione. Gli ingranaggi difensivi reggono dall’inizio alla fine ed il primo parziale (21-6 non mente). Il secondo quarto si apre subito con la tripla di Valerio che spiana la strada verso altri dieci minuti di attenzione massima in difesa ed opportunismo in attacco. All’intervallo lungo è 40-14 e la Nasce un Sorriso continua a mordere la partita con un atteggiamento super concentrato e la sapiente guida di Regina Carosio tra un ricamo altruista e l’altro. Alla mezzora è 67-27, punteggio rassicurante per affrontare l’ultimo quarto. Salerno si rilassa e lascia ad Angri un minimo margine di rientro, restando tre minuti e mezzo senza segnare. Poi le granatine ritornano sui ritmi dei precedenti trenta minuti e chiudono senza patemi il conto.

A fine gara tocca all’argentino Juan Cruz Llaryora, il preziosissimo assistente di coach Aldo Russo, fare una disamina della partita e del momento della Nasce un Sorriso Salerno ’92: “Abbiamo suddiviso la fatica ruotando tutte le effettive e le giocatrici hanno retto fisicamente. È stato fatto un grande lavoro di recupero dopo l’impegno di giovedì e se la squadra è in condizione fisica brillante è merito del nostro preparatore fisico, Gennaro Apicelli. Siamo riusciti a portare a casa ancora una vittoria, dunque nel gruppo c’è aria positiva. Il momento è felice, le dinamiche di campo sono fluide e vuol dire che il nostro processo di crescita si sta assestando, perché i frutti degli allenamenti si notano. Devo ringraziare Aldo Russo, è un grande professionista. Lavoriamo tutti i giorni fianco a fianco ed imparo molto da lui. Ogni tanto qualche sgridata tocca anche a me (ride, nda) ma ci sta, va bene tutto. Sono felicissimo di questa esperienza alla Nasce un Sorriso Salerno ’92, è davvero molto gratificante”.

TABELLINO   –  NASCE UN SORRISO SALERNO ’92-ANGRI PALLACANESTRO 81-44 (21-6; 40-14; 67-27)

SALERNO: Valerio 8, Orchi 17, Scala 6, De Mitri 20, Carosio 6, Opacic 9, Dione 3, Lucchesini 9, Scolpini 3. All: Russo.

ANGRI: Iuliano 2, Sicignano, Catalani, Stigliano, Manna 15, Nastro, Sapienza 17, Cesarano, Falino 8, Manganiello, Capriati 2. All: Iannone.

Arbitri: Iorio-Sannino

post

Di nuovo in campo dopo 48 ore: a Matierno c’è Angri

Settimana senza sosta per la Nasce un Sorriso Salerno ’92. Dopo l’importante vittoria del recupero della seconda giornata di ritorno contro la New Basket Agropoli capolista, le granatine tornano in campo a distanza di quarantotto ore sempre al PalaSilvestri. Questa sera alle 19:30 la formazione di patron Angela Somma riceverà la visita dell’Angri Pallacanestro. Dirigeranno la sfida i signori Andrea Iorio di Napoli e Michele Sannino di Torre del Greco.

All’andata Salerno ebbe la meglio (58-76) in trasferta ma a Matierno non sarà una passeggiata. Tutt’altro. Angri ha 14 punti in classifica ed è reduce dalla vittoria interna contro Marigliano. La Nasce un Sorriso, che ha agganciato momentaneamente la vetta a quota 26 (in attesa delle decisioni Fip sul match non disputato da Agropoli contro Potenza), vuol continuare a veleggiare ai piani alti e soprattutto a mantenere l’imbattibilità in questo 2023. Da sottolineare nelle file angresi il fresco ingaggio della statunitense (con passaporto finlandese) Jasmina Jones che va ad arricchire un roster già di valore, in cui figurano anche le ex di turno Sapienza, Capriati e – per un brevissimo periodo – Iuliano.

L’argentina Regina Carosio è il faro della Nasce un Sorriso Salerno ’92 per esperienza, visione di gioco e qualità: “Abbiamo fatto una partita incredibile contro Agropoli, non ce l’aspettavamo. Siamo molto felici perché abbiamo dominato la gara nell’arco dei 40′. Sappiamo che dobbiamo correre tanto, dovevamo farlo giovedì e dobbiamo fare altrettanto. Ci alleniamo alla grande, stiamo bene fisicamente, abbiamo un preparatore fisico fenomenale e siamo felici. Ora ci aspetta Angri; questo successo contro la capolista non cambia nulla perché non era una finale. Adesso il campionato continua e ci sono ancora molte partite. Bisogna restare concentrate”. La gara di domani sera sarà trasmessa in diretta streaming video sulla pagina Facebook “Salerno Basket ’92”. Ingrasso gratuito per il pubblico al PalaSilvestri, come di consueto.

post

Nasce un Sorriso al top: a Matierno cade la capolista Agropoli

La Nasce un Sorriso non si ferma più ed aggancia momentaneamente la vetta a quota 26. Salerno batte la capolista New Basket Agropoli, che cade per la prima volta in stagione: 68-47 il finale, PalaSilvestri in estasi per la “prestazione di sostanza e coralità” offerta dalle granatine. Gli applausi di coach Russo durano qualche ora, perché sabato si tornerà sul parquet amico per un’altra sfida tosta contro Angri.

La partita. Sbloccano le ospiti con Chiovato in percussione, la specialista Lucchesini risponde con una bomba da pronti-via. Salerno è subito on fire e impatta bene anche grazie alla spinta del pubblico. A metà prima frazione è +9 con De Mitri dalla distanza. Coach Di Pace dall’altro lato ferma tutto e prova a riorganizzare le sue: dopo il timeout è serie di triple, con botta e risposta Castelli-De Mitri-Lombardi. Il primo parziale è di 20-15. Il secondo quarto trova la Nasce un Sorriso sempre più in palla, con un’ottima difesa (Agropoli non buca la retina per oltre 6’) e percentuali importanti al tiro. Orchi riporta Salerno a +10, Valerio allunga; De Mitri e ancora Orchi, con la sapiente regia di Carosio, portano le granatine sul +17 a 4’:50” dall’intervallo lungo. È Seka a spezzare il lungo digiuno per Agropoli con un gioco da tre: canestro e libero. Castelli e Zanetti accorciano ma Scolpini è glaciale dalla lunetta e Carosio continua a disegnare passaggi dal nulla. Poi si mette in proprio e fa +16 dopo una gran palla recuperata (28 di squadra a fine gara, dato notevole) in extremis: si va al riposo sul 37-21. L’argentina è ispiratissima e apre il terzo quarto come aveva chiuso il secondo, segnando. Orchi per il +20 (41-21); per due minuti e mezzo le ospiti non segnano e provano a mettere paura alla Nasce un Sorriso solo con Lombardi dalla distanza (43-26). Anche Lucchesini, però, è in serata top e confeziona il +23 (51-28), con cui le ragazze di Russo raggiungono il massimo vantaggio. Agropoli accorcia e alla mezzora è 51-30. La formazione ospite cerca il tutto per tutto, arriva a -16 con Seka e Cavallo (59-43) a 4’ dalla sirena. Salerno tiene botta, non molla e rilancia con un’attenzione massimale a rimbalzo e tanta grinta nelle palle recuperate. Le granatine portano a casa una vittoria importantissima: finisce 68-47 e l’aggancio in vetta è completato, in attesa delle decisioni Fip sulla gara non disputata dalle rosa-blu a Potenza.

Raggiante coach Aldo Russo a fine partita: “Abbiamo disputato una partita di sostanza, di consistenza, avevo preparato le ragazze dicendo che avremmo dovuto focalizzarci sullo spazio che ci avrebbe concesso Agropoli, lo abbiamo fatto bene. Abbiamo espresso nella coralità un atteggiamento di condivisione totale. Da lì diventa tutto più semplice, partire dalle palle vacanti e dai 12 rimbalzi in attacco conquistati abbiamo avuto fiducia prendendoci la responsabilità di andare oltre, credendo nel piano partita che ha funzionato. Complimenti a tutte le ragazze, questa vittoria ha un valore importante in termini di consapevolezza. Sappiamo giocare bene, possiamo giocare bene ma sabato giochiamo subito: dobbiamo resettare e non crogiolarci, prendiamoci questa vittoria, sabato affronteremo una partita molto difficile”.

TABELLINO   –  NASCE UN SORRISO SALERNO ’92-NEW BASKET AGROPOLI 68-47 (20-15; 37-21; 51-30).

SALERNO: Valerio 5, Orchi 17, Scala, De Mitri 14, Carosio 17, Opacic 2, Dione 2, Lucchesini 7, Scolpini 4. All: Russo.

AGROPOLI: Lombardi 8, Seka 15, Marino, Castelli 6, Ferrara, Catarozzo, Zanetti 8, B. Chiovato, F. Chiovato 8, Cavallo 2, Mastursi. All: Di Pace.

Arbitri: Del Gaudio-Vettone

post

Trasferta insidiosa a Fasano, Opacic e Valerio tornano in campo

Trasferta insidiosa per la Nasce un Sorriso Salerno ’92. Domani pomeriggio – domenica 29 gennaio – le granatine faranno visita al Basket Fasano: palla a due alle 18 al PalaTodisco di Cisternino (BR). Arbitreranno i signori Aldo Dimito di Taranto e Lino Laveneziana di Monopoli.

La compagine cara al presidente Angela Somma, seconda a braccetto con la Ferraro Group Ariano irpino a quota 22 punti (e una partita in meno) vuole mantenere la continuità ritrovata nel 2023. Dieci punti in classifica invece per la formazione pugliese, reduce dalla sconfitta di Marigliano. “Non inganni l’ultimo risultato delle nostre prossime avversarie: hanno da poco cambiato guida tecnica e si sono rinforzate rispetto all’andata (84-42 per Salerno, nda). Fasano cerca punti ed ha nel roster giocatrici che conoscono bene la categoria, per noi sarà una partita difficile – afferma coach Aldo Russo alla vigilia – Ho lavorato per due anni nelle vicinanze di Cisternino, conosco il palasport e so bene quanto il fattore campo possa influire. Fasano ha sempre dimostrato di potersela giocare con tutti, ci toccherà approcciare nel modo giusto. Veniamo da una buona settimana, dobbiamo completare il processo di crescita a livello di squadra che ci permette di avere continuità, senza troppi alti e bassi. Possono esserci dei break, delle fasi problematiche, però abbiamo sempre dimostrato di saperli riprendere”. Opacic e Valerio torneranno regolarmente a disposizione dopo i rispettivi acciacchi fisici. “Due recuperi importanti per noi, avremo maggiori possibilità di gestire anche tatticamente la partita – commenta Russo – Conterà molto anche l’impatto energetico, insieme alle buone percentuali e all’applicazione difensiva che soprattutto negli automatismi e nel timing dei mantenimenti di vantaggio difensivi deve aiutarci a essere efficaci, senza frenesia”.