post

Una Todis Salerno sempre più sudamericana: ecco Agustina Aceredo

Un altro tassello nel roster di coach Aldo Russo per la stagione 2020/21. La Todis Salerno ’92 ingaggia l’uruguaiana Agustina Aceredo, guardia classe 2001 proveniente dal Club Deportivo Malvin, squadra di Montevideo con cui ha vinto il massimo campionato in patria nella scorsa stagione.

“Sarà la mia prima esperienza in Europa, dopo aver vinto il titolo in Uruguay. Sono molto felice per questa opportunità. Voglio dare alla squadra il meglio di me per raggiungere gli obiettivi di gruppo, ma anche crescere come persona e giocatrice”, le prime parole di Aceredo da giocatrice della Todis Salerno ’92. La diciannovenne sudamericana, con passaporto spagnolo, giungerà a settembre in Italia per unirsi al gruppo. Ad accoglierla, troverà anche l’argentina Lucila Cragnolino e la venezuelana Mariana Duran, confermate dalla scorsa stagione, che l’aiuteranno ad ambientarsi. “Con loro ci siamo già sentite in questi giorni. Ho conosciuto Lucila nel torneo sudamericano U17 in Bolivia nel 2017 e ho visto anche dei video di Mariana quando giocava in Argentina. – dice la neo granatina – Le mie abilità? Il tiro da tre, la velocità e un buon atteggiamento difensivo. Non vedo l’ora di conoscere le altre compagne e l’allenatore per integrarmi subito negli schemi”. La nuova giocatrice salernitana punta a crescere con l’esperienza italiana per affermarsi ad alti livelli. Nello stesso tempo, però, coltiva anche gli studi universitari: è iscritta al primo anno della facoltà di Scienze della Nutrizione.

Aceredo è nel giro delle nazionali giovanili uruguayane ed è stata recentemente convocata in U21. Rappresenta un innesto di buona tecnica, che con i suoi 19 anni conferirà ulteriore freschezza e dinamismo al gruppo. Questo il commento di coach Aldo Russo: “Ho visto attentamente i suoi video, è una giocatrice sveglia, con la cosiddetta ‘garra’. Sa muoversi in mezzo al campo; è molto giovane, ma ha fame. Serviva una giocatrice con le sue caratteristiche, anche di grande velocità. Aspetto, ovviamente, di allenarla per percepire altri aspetti tecnico-tattici. Stiamo provando a definire per tempo la squadra, con programmazione e voglia di fare”.

post

Colpaccio Todis Salerno, firma Camilla Valerio: “Una scelta di cuore”

“Una scelta di cuore. Ho deciso di venire a vivere a Salerno, che ormai è la mia seconda casa, e non potevo rifiutare la proposta di Angela Somma”. Camilla Valerio, classe 1993, è uno dei colpi di mercato della Todis Salerno ’92 per la stagione 2020/21. La guardia di 178 cm torna a indossare la casacca delle granatine a distanza di cinque anni dalla sua precedente esperienza campana ai tempi della Serie A2, categoria in cui ha militato dal 2013 allo scorso anno (giocando anche con Vigarano, Ariano Irpino e Bolzano) quasi ininterrottamente. “Quasi”, perché nel mezzo Valerio si è tolta anche lo sfizio di laurearsi campionessa d’Austria con la casacca dell’Ubi Graz. Insomma, alla Todis approda una giocatrice di grande livello che andrà a impreziosire il roster di coach Aldo Russo.

“Sarà la prima volta in Serie B per me, anche se qualche anno fa avevo disputato una stagione nella vecchia A3. A Salerno sto bene, ci torno con piacere perché ho scelto di viverci e non vedo l’ora di cominciare: la voglia di pallacanestro è tanta. – dice l’atleta bolzanina – Patron Somma mi ha parlato super bene del progetto, con un roster che sarà composto da ragazze giovani e altre un po’ più esperte. Mi sa che sarò io la più ‘vecchia’ (ride, nda), ma sono davvero carica e spero che anche il pubblico di Salerno possa aiutarci, entusiasmandosi per le nostre partite. Ne abbiamo bisogno”.

Vincere uno Scudetto non è da tutti. A Graz, Camilla Valerio ha dato un forte contributo per il primo titolo austriaco della storia della sua ex società. Dopo il gradino più alto della Bundesliga ed un anno nella sua Bolzano, riecco Salerno. “Sarà bello ritrovare un ambiente che con me è sempre stato accogliente. – aggiunge – So che ci sarà la possibilità di lavorare bene con un ottimo allenatore ed ho pensato che, anche se in Serie B, potesse essere una buona occasione per continuare a crescere cestisticamente, stando vicina ai miei affetti nello stesso tempo. Le aspettative alte? Ci sta. Non voglio certo giocare tanto per farlo, ma per inseguire obiettivi ben precisi e credo che questo debba valere per tutti. Dobbiamo capire anche come si articolerà il campionato e quali squadre si iscriveranno. L’idea è quella di giocarsela per un torneo di vertice. Delle mie compagne conosco già anche Alessia De Mitri, che è stata a Salerno con me nel 2014/15, la ritrovo con piacere”. E Salerno ritrova con piacere Valerio: bentornata, Camilla!

post

Elena Martella resta in granata! Confermato anche l’assistente allenatore, Valerio Russo

Per il terzo anno consecutivo, anche nella stagione 2020/21 Elena Martella vestirà la casacca della Todis Salerno ‘92. L’ala classe 2000 di origini leccesi è pronta a vivere un’altra stagione nel sodalizio di patron Angela Somma, con l’obiettivo di alzare l’asticella.

“L’anno scorso stavamo per affrontare i playoff nel momento in cui avevamo raggiunto il nostro apice: ci siamo salutati tutti un venerdì, certi di rivederci il lunedì della nuova settimana per continuare il nostro lavoro in vista della fine del campionato, che però non è mai arrivato. Penso che la prossima stagione sarà quel lunedì tanto sperato in qualche modo”, dice Martella con un filo di malinconia abbinato alla grande voglia di ritrovare il parquet. “Possiamo partire con un piede avanti se sfruttiamo il fatto che ci stiamo allenando già quest’estate, anche se individualmente, e che già ci conosciamo un po’ tutte. – continua – Non credo che sarà un nuovo inizio, ma una continuazione di quanto stavamo già concretamente creando con coach Russo. Il periodo del lockdown ci ha insegnato l’importanza del tempo: bisogna allenarsi e giocare sempre al massimo, senza rimandare gli sforzi al giorno successivo e mantenendo le vibrazioni positive che avevamo preso come gruppo”. Insomma, Martella è carica e non vede l’ora: “Inizio il mio terzo anno con la Todis Salerno, mi sento legata alla maglia e voglio onorarla insieme alle mie compagne e al coach. Credo che il nostro ingrediente segreto sia la determinazione, abbiamo sempre saputo quali sono gli obiettivi e vogliamo raggiungerli”.

Tra i collaboratori di coach Aldo Russo, oltre al preparatore atletico Vincenzo Di Capua, ci sarà ancora l’assistente allenatore, Valerio Russo. Quest’ultimo proseguirà anche nel percorso da head coach della formazione U18 delle granatine. Anche la squadra dello staff tecnico è affiatata e motivata in vista della stagione 2020/21. Il conto alla rovescia è partito.

post

Alessia De Mitri torna a Salerno: “È come ritrovare casa mia”

Dopo due stagioni vissute nella sua Puglia, Alessia De Mitri torna a Salerno e rappresenta il primo nuovo rinforzo per la Todis che verrà. La guardia classe 1998 ritrova così la Campania, dove era approdata giovanissima in A2 nel 2014 per poi restarci quattro anni. È reduce dall’esperienza alla Lowengrube Taranto, mentre nella precedente stagione aveva indossato la casacca della Tre Erre Brindisi.

“Tornare a Salerno è come tornare a casa. Non nascondo che indossare nuovamente i colori granata sarà un boom di emozioni e ricordi bellissimi per me. – ha detto De Mitri dopo la firma sul contratto – Ho già avuto modo di conoscere l’allenatore, Aldo Russo, che mi ha trasmesso sin da subito la sua voglia di lavorare con la squadra per poter costruire un gruppo determinato a raggiungere risultati positivi. Sono del parere che la tenacia e la perseveranza siano le virtù dei forti e dobbiamo averne, perché gli obiettivi prospettati dalla società sono importanti. Non vedo l’ora di tornare a lavorare al PalaSilvestri, campo che è stato un gran punto di riferimento per la mia crescita personale e cestistica”.

Alla corte di patron Somma, De Mitri ha conosciuto le gioie dei primi passi in A2 e delle salvezze al fotofinish, ma anche la delusione della retrocessione in Serie B del 2017. Quattro anni intensi che non si dimenticano: le fece un certo effetto tornare a Salerno da avversaria con la casacca di Taranto qualche mese fa e adesso le strade si ricongiungono. L’ambizione è quella di tornare dove è già stata con i colori granata. “Per noi si tratta di un felice ritorno. Ci eravamo lasciati dopo aver vinto la Coppa Campania. De Mitri è una ragazza molto legata alla società, questo è già un fattore molto positivo. A Salerno abbiamo bisogno di giocatrici motivate e che credono nel nostro progetto, proprio come lei”, dice con soddisfazione Angela Somma.