Certi amori fanno dei giri lunghi e un po’ strani, poi ritornano. Dalila Di Donato, pivot classe 1993, torna a vestire i colori del Salerno Basket ’92 a distanza di sette anni dall’ultima volta. Con molta più esperienza ma l’entusiasmo della prima volta, la lunga ha accettato la proposta ambiziosa: si tratta di un ritorno al passato, visto che l’atleta ha trascorso tutto il settore giovanile con il club di patron Angela Somma.

Un colpo di grandissimo spessore per la società salernitana. “Il presidente e l’allenatore mi hanno corteggiata tanto in queste settimane, la cosa mi ha fatto piacere e sono contenta di essere tornata – afferma Di Donato – Andai via nell’estate del trasferimento della società da Battipaglia a Salerno, ora c’è un obiettivo ambizioso e sono felice del ruolo di cui vogliono investirmi tecnico e società. Sarò la più esperta nel roster, la cosa mi inorgoglisce. La dirigenza crede nella mia leadership ed è una prova importante anche per me. Spero e credo che riusciremo a toglierci tante belle soddisfazioni”.

Di Donato, 188 centimetri, assicurerà forza fisica e peso specifico sotto canestro, oltre che quell’esperienza necessaria in un campionato difficile come la Serie B. Nella sua carriera ha disputato il Mondiale U19 con la Nazionale azzurra, poi ha vestito le casacche della PB63 Lady Battipaglia (A2), Basilia Potenza (A3), Ancona (A2) e per tre stagioni di Capaccio in B. Nello scorso torneo ha contribuito in maniera decisiva alla promozione in Serie B della New Cap Marigliano.

Il Salerno Basket ’92 non si ferma qui, però. Il team campano ha inoltre perfezionato anche l’ingaggio della giovanissima Marianna D’Amato, classe 2001, playmaker proveniente dal Minori Basket. Anche per lei si tratta di un ritorno all’ovile, aveva vestito la casacca del Salerno Basket nel settore giovanile già due stagioni fa. Potrà essere utilizzabile in prima squadra ma anche nella formazione Under 18. Bentornate, Dalila e Marianna!